Connettiti con noi

Maschile

Il Giudice Sportivo punisce Manfredonia e Matera

Pubblicato

su

Multate alla penultima giornata della regular season Manfredonia e Matera, colpite con ammenda rispettivamente di 1.000 e 800 euro. Tifosi e dirigenti tra i responsabili

La giornata di Serie A andata in scena sabato scorso è costata un’ammenda sia al Manfredonia che al CMB Matera. I pugliesi, sconfitti dal Polistena che li ha condannati alla retrocessione in A2, si sono visti comminare una multa di mille euro: “Per lancio di diversi sputi da parte dei propri sostenitori nel corso del secondo tempo nei confronti del secondo arbitro che veniva attinto alla testa ed alla divisa. Perché – si legge sul comunicato dei provvedimenti del Giudice Sportivo al termine della gara propri sostenitori penetravano indebitamente sul terreno di gioco, venendo a contatto con i giocatori avversari, nella circostanza uno dei predetti sostenitori sputava e colpiva con un calcio un calciatore della squadra avversaria senza causare conseguenze, venendo prontamente allontanati dai dirigenti locali che consentivano così ad arbitri ed calciatori avversari di fare rientro negli spogliatoi senza ulteriori problemi. sanzione ridotta per l’intervento dei dirigenti della società finalizzata a fare terminare l’intemperanze dei propri sostenitori”.

Non è andata molto meglio al CMB Matera: “Per corali ingiurie e minacce da parte dei propri sostenitori nei confronti della terna arbitrale per tutta la durata dell’incontro. Perché il proprio dirigente sebbene espulso nel corso del primo tempo si posizionava in tribuna da dove per la parte residuale dell’incontro continuava a rivolgere frasi offensive e minacciose agli arbitri. Perché il Presidente della società assistendo all’incontro dalla tribuna per tutta la durata della gara rivolgeva frasi ingiuriose e minacciose alla terna arbitrale”.

Per il CMB Matera è arrivata anche la squalifica per due dirigenti: Angelo Pascale ha rimediato uno stop di due mesi, mentre per Rocco Auletta il fermo è di un mese.

IL COMUNICATO UFFICIALE