Connettiti con noi

Divisione C5

Future Cup, il Nord fa il bis: vince anche il maschile

Pubblicato

su

Dopo la vittoria della rappresentativa interregionale femminile del Nord, ha trionfato anche il maschile. Le parole di Matteo Lupo, uno dei tre tecnici dello staff

Trascinati da un Borolo (Atletico Pressana) in grande spolvero ed autore di un poker, la rappresentativa interregionale dell’area Nord bissa il successo del femminile e vince la Future Cup. In rete, tra gli altri, anche De Luca (Petrarca Padova), Iurlaro (C5 Manzano BRN 1988), Berardi (Fonta) e Moro (Gifema Luparense C5) nell’ormai consueta cornice dell’Emilia Romagna Arena di Salsomaggiore, ormai di diritto nuova capitale del futsal italiano.

Lo staff tecnico della rappresentativa maschile del Nord, guidato da Nini Punzurudu (Comitato Regionale Piemonte Valle d’Aosta), vedeva al suo interno anche la presenza di Matteo Lupo, allenatore della Futsal Savigliano: “E’ stata una bellissima manifestazione. La Divisione con questo evento ha dato visibilità ed opportunità ai ragazzi più giovani e in alcuni casi meno conosciuti di essere osservati dal ct Bellarte che, non a caso, ha sicuramente adocchiato il ‘nostro’ Federico Borolo”, ha rivelato Matteo Lupo. L’allenatore, che ha condiviso la panchina con due colleghi, ha quindi aggiunto: “Devo ringraziare Walter Moro e Edoardo Zanenga, perché siamo riusciti a lavorare bene e in team. Il riconoscimento più grande va però alla Divisione per l’organizzazione di questo evento in quello che è un anno zero e che dalla prossima stagione potrà essere programmato già dall’autunno”.

A Salsomaggiore l’evento ha regalato anche altre sorprese: “Tutti i tecnici – ha spiegato Lupo – hanno svolto una riunione tecnica con Massimiliano Bellarte”. Ma non solo: “E’ bello vedere tutti questi giocatori così giovani e promettenti riuniti qui, tutti insieme”. Vincere, poi, è sempre una sensazione piacevole: “E’ un orgoglio aver vinto sia col gruppo maschile che femminile. E per questo faccio i complimenti anche a Nini Punzurudu, che è stato il nostro responsabile in questa avventura. Adesso? Festeggiamo”, ha concluso l’allenatore.