Connettiti con noi

Maschile

Italservice Pesaro, funzionerà la staffetta tra i pali?

Pubblicato

su

A 22 giorni dall’inizio della serie A analizziamo le compagini ai nastri di partenza: partiamo con i campioni d’Italia dell’Italservice Pesaro

Italservice Pesaro in pole position. Saranno ancora i campioni d’Italia in carica la squadra da battere nella serie A futsal 2021/2022. Ottanta giorni dopo essersi cuciti al petto il tricolore, i ragazzi di Colini ripartono ancora dal parquet amico a caccia del bis. Con tante certezze, ma anche qualche dubbio. Il primo, forse il più importante, riguarda la probabile alternanza che il tecnico romano effettuerà tra i pali e se questa porterà dei benefici. Il presidente Pizza ha infatti regalato in estate al suo tecnico, le prestazioni di Carlos Espindola, che bene ha fatto in passato con le maglie di Asti e Napoli, ma che nell’ultima stagione era rimasto ai margini delle scelte di Diego Giustozzi nel Elpozo Murcia. C’è curiosità attorno a come lo Special One gestirà il dualismo con Michele Miarelli, miglior portiere dell’ultimo campionato.

Mercato che non ha certo regalato fuochi d’artificio sulle rive dell’adriatico, con gli innesti dei laterali mancini Lucas Bolo e Massimo De Luca che nello scacchiere biancorosso sostituiranno i partenti Marcelinho e Jefferson. Un acquisto, quello dell’ex capitano del Real San Giuseppe, che viaggia sui binari paralleli di quello di Espindola, per dare al tecnico sei volte campione d’Italia, un altro “formato” da poter sfruttare in caso di utilizzo dell’estremo di Florianapolis. Se a giovarne sarà sicuramente l’aspetto difensivo, probabilmente mancheranno diverse soluzioni offensive. Il peso dell’attacco sarà così tutto rivolto sull’out di sinistra, sulle spalle di Julio De Oliveira, utile nelle verticalizzazioni, e Cristian Borruto, più abile nell’attaccare gli spazi. Occhio anche alle carte d’identità: sette su tredici, negli scudettati, hanno già spento trentaquattro candeline. E l’esordio è da brividi, contro quella neo-promossa Napoli che la parola “scudetto” la sussurra senza particolari paure.