Connettiti con noi

Maschile

Orange, Patané: “Il gruppo è il nostro motore”

Pubblicato

su

L’Orange Futsal ospita domani sera il Sardinia Futsal nel primo turno di playoff di Serie B. Si gioca al Palasanquirico alle ore 21.00

E’ in programma per domani sera la prima sfida playoff di Serie B dell’Orange Futsal di Hernan Patané. La formazione astigiana, che ha chiuso al secondo posto il girone A, affronterà il Sardinia Futsal, quinto in graduatoria nella stagione regolare. Le due squadre, dopo 24 giornate, hanno accumulato un distacco di 16 punti, che lasciano presagire una gara indirizzata già in partenza in favore Orange. Non è d’accordo però il tecnico degli astigiani: “Si parte 0-0 e si decide tutto in 40 minuti ed eventuali supplementari”.

La squadra però sta bene e Patané è soddisfatto dei suoi: “Arriviamo bene a questa partita. Stiamo bene sia fisicamente che mentalmente. Siamo consapevoli – ha ammesso l’allenatore – di essere i favoriti, perché siamo i secondi della classe contro la quinta. Inoltre la statistica dice che in casa abbiamo sempre vinto, ma i playoff sono un’altra musica e i precedenti non contano”. Patané sa bene quanto contino i dettagli in un incontro del genere: “Sbagli una linea di passaggio, una copertura o prendi una ripartenza e sei fuori da tutto”. Il punto di forza dell’Orange però è chiaro: “Il collettivo è il nostro motore. Poi, sì, sappiamo che abbiamo giocatori che possono spaccare la gara con una giocata e noi ci auguriamo che in questo playoff possano dimostrare il loro valore”.

Anche sugli avversari, Patané ha pochi dubbi: “Si tratta di una squadra molto interessante e molto giovane. Sono veloci e capaci di verticalizzare molto il gioco con grande qualità. Inoltre possono contare su di un allenatore in campo come Serginho, che detta i tempi a suo piacimento”. L’auspicio allora è che l’Orange possa scendere in campo con un uomo in più domani sera: “Speriamo davvero che il nostro pubblico possa darci una spinta in più per poter andare il più possibile avanti in questo playoff”, è stata la conclusione di Patané.