Connettiti con noi

Maschile

Raptus in campo: pugni all’arbitro in C2 lombarda

Pubblicato

su

Davide Fazio, “vecchia” conoscenza del futsal piemontese ora capitano della Virtus Cermenate, perde la testa e rifila tre pugni al direttore di gara. Gara sospesa, arbitro con un occhio gonfio e proposta di radiazione in arrivo per il giocatore

Davide Fazio l’ha combinata grossa. E non ci sono scusanti per lui. Il giocatore in forza alla Virtus Cermenate ieri sera ha aggredito il primo arbitro del match che si stava giocando con la Futsal Varese: serie C2 lombarda. Dalla descrizione dei presenti, pare che il giocatore abbia rifilato ben tre pugni sul volto del direttore di gara che, inizialmente, si è rifugiato nella panchina della Futsal Varese in cerca di protezione. Partita ovviamente sospesa sul 2-3. L’episodio scatenante non lo raccontiamo nemmeno: qualunque cosa si accaduta, la reazione non è in ogni caso giustificata. E lo sa per primo Fazio.

Davide (che in Piemonte si è districato tra futsal e calcio vestendo anche le maglie di Orange, Astense, Isola d’Asti, Monferrato e Fucsia Nizza) si è scusato attraverso il suo profilo Instagram. Questo non renderà la sua squalifica più lieve, considerando che con tutta probabilità almeno in primo grado verrà applicata la massima sanzione di cinque anni con la preclusione alla permanenza in qualsiasi rango o categoria della FIGC che, tradotto, significa radiazione. E’ stato così per altri casi, solo per modo di dire, più lievi, accaduti in campionati dilettantistici di calcio a 11 in questa stagione. L’ordinamento giuridico è lo stesso e la strada, salvo clamorose sorprese, sarà questa. In ogni caso, per una conferma ci sarà da attendere il comunicato ufficiale del Comitato Regionale della Lombardia.

Il testo del post di scuse apparso su Instagram da parte di Davide Fazio:

“In molti mi avete scritto per capire cosa fosse successo ieri sera alla partita… forse il silenzio sarebbe la cosa più giusta. Ma purtroppo io non sono così! Ciò che è accaduto, me ne assumo tutte le responsabilità e le conseguenze ho sbagliato e sbagliare penso sia umano. Ringrazio chi mi ha scritto parole di conforto e parole belle perché chi mi conosce sa che persona sono! E’ sempre piacevole ricevere messaggio confortanti da avversari che quest’anno ho visto mezza volta ma sicuramente hanno capito la persona che sono io! Ripeto io sbagliato e sono pronto ad assumermi tutto quello che succederà! Chiedo scusa alla Società Virtus Cermenate e soprattutto ai miei compagni”.

Un cuore spezzato e un pallone contornano il post pubblicato dal giocatore. Tramite la pagina social di Futsal Podcast, il capitano della Virtus Cermenate ha anche aggiunto le scuse al direttore di gara Alberto Ferraro e al suo allenatore, nonché amico Luca Checola.

Sempre tramite Futsal Podcast, è intervenuta anche la società Virtus Cermenate, che ha immediatamente preso le distanze dal comportamento del suo capitano: “La società Virtus Cermenate C5 condanna in modo assoluto il grave episodio di cui é stato protagonista Davide Fazio. La Virtus da sempre fa della lealtá e sportività i suoi cardini fondanti, per questo ha subito preso provvedimenti nei confronti di Davide Fazio, sospendendo qualsiasi rapporto con il giocatore”.